Quando il viaggio parte da dentro di noi

Quando il Viaggio parte da dentro di noi

Perché in realtà si ha il desiderio di viaggiare? Qual è la vera necessità che si nasconde dietro l’irrefrenabile desiderio di andare, viaggiare, muoversi ?

 

 

 

 

 

Quella di conoscere nuove culture, di vedere nuovi mondi o la necessità di trovare un punto di riferimento che ci aiuti a conoscere meglio noi stessi, lo menzionava anche una famosa canzone del grande Battiato degli anni ’80, il nostro centro di gravità permanente.

 

Quando il Viaggio parte da dentro di noi, e i motivi per cui si viaggia s’intrecciano lungo il filo delle più svariate ragioni, si ha un viaggiatore e infinite mete.
2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In realtà si viaggia semplicemente per il piacere di farlo, alla ricerca della felicità, la necessità di accumulare dei bei ricordi, imparare ad apprezzare culture diverse, insomma vivere veramente.

 

Dalla notte dei tempi in tutte le epoche della vita umana, tanti hanno percepito l’esigenza di interrogarsi sul significato più profondo del viaggiare, sono state spese tantissime parole sull’argomento, scritti milioni di metafore, minuziosamente sono state cercate similitudini sul perché e sul per come, per trovare un senso comune, una logica che racchiudesse una parvenza di significato, ma che ovviamente sinuosamente scivola e cambia da persona a persona da necessità a necessità, senza mai lasciarsi afferrare.

 

Sono tantissimi i modi diversi di viaggiare, addirittura si potrebbero fare elenchi chilometrici senza mai correre il rischio di ripetersi, il mondo è così grande e i motivi così svariati.

 

Si viaggia per spirito d’avventura, per conoscere altri popoli e altre usanze, per andare alla scoperta del mondo, per amare e per essere amati, per dolore o per rabbia, per fede o per cercare la nostra vera fede.

 

3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si viaggia per scoprire, per dire semplicemente io c’ero , io lo conosco, per aiutare il prossimo o per cercare chi ci può aiutare, per vivere il vero significato dell’amicizia, o per farsi nuovi amici, perché non abbiamo più voglia di aspettare , o per imparare la pazienza dell’attesa, per conoscerci meglio, anima compresa, o per fuggire da noi stessi, i motivi sono e saranno infiniti, ognuno di noi può aumentare la lista.

 

Il viaggiatore è uno spirito libero, in cerca perennemente dell’attimo sfuggente, di un luogo veramente libero da pregiudizi e senza confini.

 

Quando il Viaggio parte da dentro di noi, ogni pensiero è mutevole ,in fondo tutta la nostra esistenza e in definitiva un breve viaggio verso qualche cosa, come trottole viaggiamo per il mondo per poi ritrovarci sempre in un unico posto, noi stessi, sempre più ricchi di nuove esperienze ed emozioni che rimarranno uniche e indelebili nei nostri cuori, immagini che ci accrescono come viaggiatori e come persone.

 

Perché viaggiare, è uno stato dell’animo, non ha una vera e propria ragione, esiste perché esistiamo a questo mondo, ed è il motivo per cui viviamo.

 

Francesca Capiloni

 

 

 

      Per votare l'articolo clicca l'icona Tze Tze: